Comune di Chitignano

Comune di ChitignanoPiccolo borgo di montagna situato lungo l’itinerario che porta al Sacro Monte della Verna. Un tempo antica stazione termale per la presenza di sorgenti di acque solforose, fu feudo della famiglia degli Ubertini. Parte delle strutture dell’antico Castello e la Podesteria sono oggi ancora visibili. La sua posizione geografica quale paese di confine portò allo sviluppo di una attività un pò particolare: quella del contrabbando di tabacco e di polvere da sparo, oggi documentata all’interno dell’Ecomuseo della polvere da Sparo e del Contrabbando.
[collapse id=”collapse_62″]
[citem title=”Musei” id=”citem_72″ parent=”collapse_62″]
Museo della polvere da sparo e del contrabbando

Descrizione: L’ecomuseo documenta l’attività di produzione e commercio di due particolari prodotti: la polvere da sparo ed il tabacco. Gli opifici addetti alla produzione di polvere pirica, ubicati lungo il torrente Rassina, con macchinari mossi grazie alla forza idraulica, conobbero il loro maggiore sviluppo tra il XIX e il XX secolo. I due maggiori polverifici furono quello dei Prati e quello del Ciofi, di cui rimangono ancora significative testimonianze. L’attività, oltre che all’interno di strutture autorizzate, veniva svolta anche attraverso i numerosi “pilli” (cavità scavate nella pietra per il pestaggio delle componenti) disseminati nei boschi, al di fuori del controllo degli organi di sorveglianza, la cui produzione alimentava il mercato del contrabbando. Altre vicende conobbe la coltivazione del tabacco, praticata fino al 1779 all’interno della Contea dei Conti Umbertini e poi anche in seguito (grazie a privilegi concessi dal Granduca Pietro Leopoldo), che assicurò un certo benessere alla comunità locale. Dopo la soppressione del privilegio, avvenuta nel 1830, il commercio del tabacco continuò clandestinamente. La materia prima veniva recuperata nelle zone della Valtiberina e dell’Umbria e trasportata a Chitignano per la trasformazione in trinciato e sigari mediante la lavorazione delle sigaraie, donne specializzate in questa particolare manifattura. Il prodotto finito era quindi smerciato attraverso il contrabbando. Le vie tracciate dai contrabbandieri andavano sul versante romagnolo, verso, Firenze, Pisa e Livorno, verso la Maremma toscana e laziale, verso l’Umbria e le Marche. Dentro la struttura dell’ecomuseo, concepita come centro di documentazione, sono collocati alcuni strumenti di lavoro e pannelli esplicativi riferiti alle due lavorazioni. Recentemente, da parte dell’Associazione “I Battitori” è stata compiuta una ricerca che ha permesso di rintracciare i numerosi “pilli” distribuiti nel territorio circostante, alcuni dei quali raggiungibili attraverso specifici sentieri. Altra particolarità dell’area è rappresentata dalla presenza di acque dalla particolare composizione e con spiccate proprietà curative.La più conosciuta è la “Sorgente Buca del Tesoro” ben raggiungibile percorrendo la strada che congiunge il capoluogo con la frazione di Taena. In questa località, dove il comune ha realizzato un’area verde attrezzata, sono presenti  due distinte fonti con due diverse tipologie di acque. Una di queste presenta spiccate caratteristiche sulfuree.
Informazioni utili

Soggetto che si occupa della gestione, delle  informazioni e delle aperture su richiesta:
ASSOCIAZIONE I BATTITORI 0575/596307 – 331/5921960
COMUNE DI CHITIGNANO 0575/596713

Orari di apertura:  Luglio, Agosto – Sabato e Domenica 16:00/19:00
Sito web: www.ecomuseo.casentino.toscana.it
Posta elettronica: ecomuseo@casentino.toscana.it
[/citem]
[citem title=”Monumenti” id=”citem_71″ parent=”collapse_62″]
Il Castello dei Conti Ubertini

E’ uno dei più antichi manieri del Casentino, fu dimora preferita dei Vescovi di Arezzo che qui trascorrevano la villeggiatura. Si conservano ancora il Corpo di guardia, la prigione, la Stanza delle sentenze, quella delle Armi e il Cassero. A cento metri dal castello si trova la Podesteria.

Informazioni: 333 9104810
[/citem]
[citem title=”Natura” id=”citem_68″ parent=”collapse_62″]
Riserva Naturale Statale Zuccaia

Descrizione: L’area si estende nei comuni di Chitignano e Chiusi della Verna, ai piedi dell’Alpe di Catenaia. Notevole la presenza di castagneti.
Telefono: 0575 3161
Posta elettronica: parchi@provincia.arezzo.it
[/citem]
[/collapse]
Sito Web: www.comune.chitignano.arezzo.it
Altezza: m. 582
Codice Postale: 52010
Km da: Arezzo 32, Firenze 90 (attraverso il passo della Consuma, SS 70)
Popolazione: 817
Prefisso telefonico: 0575


Notizie utili

Collegamento mezzi pubblici: Da Arezzo in treno ferrovia privata Arezzo-Pratovecchio-Stia stazione di Bibbiena, poi proseguimento in autobus
Come arrivare: Autostrada A1 uscita Arezzo e SR 71 fino a Rassina poi bivio per Chitignano; da Firenze SS 70 Passo della Consuma e SR 71 fino a Rassina poi bivio per Chitignano
Mercato settimanale: Venerdì mattina


Link:
www.comune.chitignano.arezzo.it


Foto: