Sentiero CAI 38 Carda – innesto sentiero CAI 00 – CT


Inizia da Carda (mt. 690) imboccando la strada a sinistra dalla piazzetta – posteggio del paese. Si passa fra il cimitero ed un bel muro in pietra, si supera un boschetto di conifere e si prosegue a mezza costa quasi in piano.
A monte si costeggiano dei banchi di arenaria, mentre a valle scorre il borro di Cardache si attraversa più a valle con un ponticello piegando a sinistra (mt. 738). Si prosegue fino ad un altro fosso e si inizia a salire per una carrareccia tortuosa fra bosco di castagno con rade conifere. Durante il percorso si trovano alcune intersezioni con altri stradelli, ma è facile seguire il nostro itinerario che percorre la pista principale. In alto, dove il bosco si dirada, si possono ammirare notevoli scorci panoramici sul Casentino. Finito il bosco di castagno si trova in sinistra una pineta e la strada comincia a spianare raggiungendo il crinale spartiacque fra il borro di Carda e il torrente Capraia e l’innesto con la strada proveniente da Faltona e con il sentiero CAI 40 (mt. 1140). Si segue questa strada a destra mantenendoci sullo spartiacque e, con continui saliscendi fra rada vegetazione, dopo aver lasciato in sinistra la pista chiusa con cancello che porta alla Badia Santa Trinita, si prosegue fino ad incrociare la strada forestale proveniente da Calleta, chiusa anch’essa in sinistra con cancello in ferro.
Si attraversa la strada e si prende un ripido sentiero e, dopo aver superato un cancello di ferro, si prosegue sul crinale fra bosco ceduo di faggio e poi su pista taglia fuoco in mezzo a bosco di conifere. Più in alto (mt. 1325), si incrocia una pista forestale che si segue, piegando a sinistra in mezzo a bella faggeta. Poco più avanti si trova una deviazione a sinistra che in meno di duecento metri scende alla casetta del Cassi, perfettamente restaurata dalla Comunità Montana del Casentino ed adibita a ricovero. Trattasi di una costruzione in muratura di pietrame, di modeste dimensioni, con camino per il fuoco e un soppalco, ove all’occorrenza si può anche pernottare. Vicino al rifugio trovasi anche una fonte. Il nostro sentiero prosegue invece sempre sulla stessa pista forestale che, fra bosco di faggio e rare conifere, con vari saliscendi e curve, raggiunge il crinale del Pratomagno innestando si sul sentiero 00 – CT in località la Pescina (mt. 1332), dopo aver abbandonato in sinistra la pista forestale che prosegue sulla mezza costa.
Tutto il tracciato è lungo Km 7,000, non presenta alcuna difficoltà e può essere percorso anche a cavallo e in mountain-bike.

Sentiero CAI 38 Carda - innesto sentiero CAI 00 - CT
File formato gpx:
Sentiero CAI 38 Carda – innesto sentiero CAI 00 – CT

Lunghezza (m): 7.000
Tempo di percorrenza:

  • Andata h 2.30
  • Ritorno h 1.50
Partenza: Carda
Punto intermedio
Arrivo: Innesto sentiero CAI 00 – CT
Livello di difficoltà: E
Adatto/non adatto ai bambini: Adatto
Lungo il percorso si incontrano:

  • Punti panoramici
  • Sorgenti e fontanelli
  • Bar e ristoranti
  • Albergo
  • Fermate autobus
  • Rifugio: casetta del Cassi
Mezzi di percorribilità:

  • Piedi
  • Cavallo
  • Mountain-bike
Fondo del tracciato:

  • Strada Bianca
  • Stradello/pista
  • Mulattiera
Ambiente prevalente nel quale si sviluppa il sentiero:

  • Abitati/coltivi
  • Bosco misto
  • Castagneto
  • Conifere
  • Faggeta
  • Prateria/Pascolo
Morfologia prevalente del paesaggio su cui si sviluppa il sentiero:

  • Mezzacosta
  • Versante
  • Crinale
Qualità della segnalazione del sentiero: Buona
Dislivello totale andata (m): 721
Dislivello totale ritorno (m): 66
Quota di partenza (m): 678
Quota di arrivo (m): 1334
Segnavia: CAI 38

Mappa dei Sentieri C.A.I. Torna alla mappa dei sentieri–>