Sentiero CAI 31 Rassina – Poggio Masserecci

Inizia dall’abitato di Rassina (m 301) al ponte sull’Arno, lo attraversa e segue la S.P. n. 59 verso Talla. Abbandonando la provinciale si gira a des. seguendo una strada di lottizzazione fra nuovi fabbricati e, al cimitero di Pieve a Socana si gira a des. verso l’abitato omonimo (m 307). Qui si trova una pieve Romanica del XII secolo e notevoli reperti archeologici di origine etrusca. Attraversando il paese, dopo una cappellina, si gira a des. per uno stradello e superato un tombino che attraversa il fosso del Burrone, si prende a sin. una carrareccia che sale attraverso terreni coltivati. Prima dell’attraversamento di un fosso si abbandona la carrareccia per salire a sin. per un sent. in mezzo ad un boschetto di cerri. Usciti dal bosco si segue a sin. uno stradello che passa vicino ad una casa (m 390). Lasciato lo stradello si costeggia in salita un giovane oliveto fino a sbucare su altro stradello che si perde nei campi.
Si aggira un terreno lavorato e si ritrova una carrareccia che passa da “Le Fontanacce ” (m 410) e da un’altra casa. Si supera una recinzione in filo di ferro e attraverso un prato-pascolo si giunge al torrente Soliggine. Si guarda e si segue la carrareccia che in breve porta alla S.P. n. 61 e al Poderaccio. Si segue la provinciale sulla des. fino a Castel Focognano (m 450).
Presso il torrione, unico resto del castello la cui origine risale all’ XI secolo, si prende una stradina in discesa fra le case che scende al Solligine (m 413). Guadato il rio, vicino ad un fabbricato, si attraversa una recinzione nei pressi di una grande stalla e si inizia a salire fra coltivi e rado ceduo di querce. Giunti ad un vascone in muratura per l’acqua si passa fra un lavorato ed un boschetto e dopo due curve si giunge ad una recinzione in filo di ferro.
Si raccomanda, ogni volta che si aprono i cancelli per passare, di richiuderli subito dopo, perché in queste zone esistono allevamenti di cavalli. Si attraversa un prato pascolo e si giunge a Ghizzano. Si segue per breve tratto una carrareccia, e si gira a sin. per una pista in salita che, fra coltivi e rade querce, dopo alcune curve passa sopra casa Fagiani. Attraversata un’altra recinzione si prende a des. e, per pista che segue la mezza costa, tenendosi sempre sulla des. si giunge alla strada comunale presso la chiesa di Pretella (m 655). Si segue la comunale a sin. e dopo un muretto in cemento si lascia girando a des. per strada in salita che, dopo casa Ferrini giunge all’innesto con il sent. 31/A (m 688).
Si prosegue in salita seguendo a sin. una carrareccia, lasciandola dopo circa cento metri, in corrispondenza dell’incrocio con una strada che porta ad una casa, ove si prende per tracce di sent. che si inerpicano a des. sul crinale del poggio Civitella. Dopo un breve tratto in forte pendenza fra castagni, si incrocia una pista e si segue in salita mantenendo il crinale fra bosco ceduo di cerri. Sotto poggio Civitella la pista piega leggermente a des., quasi in piano, fra palina di castagno, seguendo la mezza costa supera il poggio, che rimane a sin., e giunge all’innesto con il sent. 34 per Ornina (m 865). Lasciando in sin. questo sent. si prosegue sempre fra castagni per la stessa pista che prima in piano e poi in salita, seguendo sempre il crinale, supera il poggio di Viepiane (m 903) e il poggio della Madonna (m 1128) raggiungendo una piccola insellatura. In questo tratto si trovano, in mezzo ai castagni, piccoli boschetti di conifere ed in alcuni punti, ove più rada si fa la vegetazione, si possono ammirare panorami inconsueti sul Casentino ed oltre. Superata l’insellatura, si segue sempre la pista che sale ripidamente sul crinale in mezzo a fitte felci, ginestre e pruni, fino ad un boschetto di faggi, all’inizio del quale si innesta, sulla des., un’altra pista forestale. Si prosegue ancora in salita e, attraversato il boschetto si giunge in cima a poggio Rubiale (m 1294).
Si prosegue sul crinale con tratti in piano seguiti da salite fra ginepri e ginestre: non si può sbagliare perché la pista è ben evidente. Dopo una breve discesa a mezza costa si raggiunge un’insellatura ove si ritrova il bosco di faggio e la pista si fa più stretta trasformandosi in un sent. che in leggera salita, mantenendosi sulla des. del crinale, raggiunge la dorsale del. Pratomagno, innestandosi sul sent. 00 – CT sotto poggio Masserecci (m 1504). Siamo sui prati, la vegetazione è molto rada e diventa difficile segnare il punto preciso d’innesto. Si auspica che presto, in queste situazioni, vengano apposti adeguati segnali in legno con tutte le indicazioni del caso. Tutto l’itinerario è lungo Km 17,100, non presenta alcuna difficoltà e può essere percorso a cavallo. Con la mountain-bike vanno scelte opportune deviazioni fra Pieve a Socana e Pretella e nel primo tratto sopra l’innesto con il sent. 31/A.
Altimetria Sentiero CAI 31 Rassina - Poggio Masserecci
File formato gpx:
Sentiero CAI 31 Rassina – Poggio Masserecci

Lunghezza (m): 17.100
Tempo di percorrenza:

  • Andata h 5.40
  • Ritorno h 4.20
Partenza: Rassina
Punto intermedio: Pieve a Socana, Castel Focognano,
Arrivo: Innesto 00 – CT a Poggio Masserecci
Livello di difficoltà: EE
Adatto/non adatto ai bambini: Non adatto
Lungo il percorso si incontrano:

  • Punti panoramici
  • Sorgenti e fontanelli
  • Bar e ristoranti
  • Albergo
  • Fermate autobus
  • Pieve romanica e reperti archeologici etruschi a Pieve a Socana
  • Ecomuceo – Centro di documentazione sulla cultura rurale del Casentino a Castel Focognano
  • Civitella Secca a Poggio Civitella
Mezzi di percorribilità:

  • Piedi
  • Cavallo
  • Mountain-bike (con deviazioni fra Pieve a Socana e Pretella e nel primo tratto sopra l’innesto con il sent. 31/A)
Fondo del tracciato:

  • Asfalto
  • Strada Bianca
  • Stradello/pista
  • Sentiero/traccia
Ambiente prevalente nel quale si sviluppa il sentiero:

  • Abitati/coltivi
  • Bosco misto
  • Conifere
  • Faggeta
  • Prateria/Pascolo
  • Macchia bassa
Morfologia prevalente del paesaggio su cui si sviluppa il sentiero:

  • Mezzacosta
  • Versante
  • Crinale
  • Fondovalle
Qualità della segnalazione del sentiero: buono
Dislivello totale andata (m): 1593
Dislivello totale ritorno (m): 404
Quota di partenza (m): 303
Quota di arrivo (m): 1493
Segnavia: CAI 31

Mappa dei Sentieri C.A.I. Torna alla mappa dei sentieri–>