Sentiero CAI 29 A Cetica Varco di Reggello


Il nostro sent. inizia dall’innesto con il sent. 29 a Cetica Alta (m 763), segue per breve tratto la strada asfaltata per casa Perini e piega a sin. per uno stradello che sale fra  le case, girando ancora a sin. fra bosco di latifoglie. In questo primo tratto la mulattiera è lastricata.
Lasciate sulla sin. due stradelle, si continua in salita fino ad incrociare una pista forestale che si segue sulla sin., in mezzo ai castagni. Ad un secondo incrocio si prende sulla des.
un’altra pista che con alcune curve giunge al guado del fosso Riosecco (m 880). Attraversato il fosso si piega a sin. ed in salita si attraversa un bosco di conifere. Usciti dal  bosco se ne segue il margine superiore fino ad un pianello. Si gira a sin. ed in salita fra i  castagni si raggiunge la scarpata des. del fosso di Rimaggio. Si segue il fosso avvicinandosi all’acqua e guadandolo in prossimità della confluenza con un altro fossatello (m 960). Si risale il corso del fosso mantenendosi ora in riva sin. in mezzo a bosco di latifoglie.
Il sent. è piuttosto labile e va seguito attentamente con l’ausilio dei segnali bianco-rossi.
Poco più in alto si entra in una abetina e si continua a salire mantenendosi sempre in prossimità del fosso di Rimaggio. Il sent., ben segnato, esce per brevi tratti dal bosco per rientrarvi subito. In prossimità dell’origine del fosso si esce dal bosco di abeti e pini per attraversare marginalmente una radura di felci. Onde evitare la difficoltà di seguire un percorso labile in mezzo alle felci si rientra ben presto sul bosco di conifere e si continua a
salire, lambendone il limite sinistro, fino ad uscire sul crinale ove si incrocia il tracciato del metanodotto (m 1190). Si gira a sin. e, seguendo la pista del metanodotto, dopo una ripida e breve salita, si giunge sulla sommità del monte di Pistiano (m 1254). Si continua per il crinale in leggera discesa e, in corrispondenza di un triplice segnale del metanodotto, all’inizio di una ripida rampa, si gira a des.. Questo tratto di sent. è molto panoramico e
si sviluppa sullo spartiacque fra il bacino del torrente Solano e quello del torrente Pistiano con una suggestiva immagine di queste due vallate verdissime. Dove si abbandona la pista del metanodotto occorre fare molta attenzione alla segnaletica perché l’imbocco del sent., che va preso in des., non è molto evidente. Questo sent. scende per un breve tratto allargandosi fino a divenire una pista forestale che, mantenendosi in quota, aggira la testata del torrente Pistiano attraversando i numerosi fossatelli che ne costituiscono i più alti tributari. Siamo immersi in un bosco di ceduo di faggio in una zona ricchissima di acqua. Poi dal ceduo di faggio si passa all’alto fusto e ad un incrocio si prende la pista sulla sin. che inizia a salire e dopo poco esce dal bosco per affacciarsi sulle praterie sommitali. Attraversato obliquamente il prato punteggiato da ginepri e ginestre, si raggiunge il sent. 28 pochi metri sotto l’innesto di quest’ultimo sulla strada panoramica (m 1315).
Questo itinerario è molto bello e si sviluppa in mezzo a boschi di conifere e latifoglie quasi intatti con scorci panoramici di grande interesse.
E’ lungo Km 5,100, non presenta alcuna difficoltà e può essere percorso anche a cavallo, con cautela nel tratto che costeggia e attraversa il fosso di Rimaggio e nei tratti fra il bosco di conifere. E’ sconsigliato per la mountain-bike.
Sentiero CAI 29 A Cetica Varco di Reggello
File formato gpx:
Sentiero CAI 29 A Cetica Varco di Reggello

Lunghezza (m): 5.100
Tempo di percorrenza:

  • Andata: h 2.10
  • Ritorno: h 1.40
Partenza: Cetica
Punto intermedio:
Arrivo: Innesto sentiero 00 – CT al Varco di Reggello
Livello di difficoltà: E
Adatto/non adatto ai bambini: Adatto
Lungo il percorso si incontrano:

  • Punti panoramici
  • Bar Alimentari
  • Fermate autobus
  • Chiesa di S. Angelo in Cetica
  • Ruderi del Castello dei Conti Guidi di Cetica
  • Ecomuseo del Carbonaio – Banca della Memoria di Porto Franco “Giuseppe Baldini” – Casa dei Sapori a Cetica
Mezzi di percorribilità:

  • Piedi
  • Cavallo
Fondo del tracciato:

  • Asfalto
  • Stradello/pista
  • Mulattiera
  • Sentiero/traccia
Ambiente prevalente nel quale si sviluppa il sentiero:

  • Abitati/coltivi
  • Bosco misto
  • Castagneto
  • Conifere
  • Faggeta
  • Prateria/Pascolo
  • Macchia bassa
Morfologia prevalente del paesaggio su cui si sviluppa il sentiero:

  • Mezzacosta
  • Versante
  • Crinale
Qualità della segnalazione del sentiero: Buona
Dislivello totale andata (m): 635
Dislivello totale ritorno (m): 66
Quota di partenza (m): 759
Quota di arrivo (m): 1332
Segnavia: CAI 29A)

Mappa dei Sentieri C.A.I. Torna alla mappa dei sentieri–>