L’altezza della Croce

L’ALTEZZA DELLA CROCE TRA LEGGENDA E VERITA’

Nella notte tra il 5 e 6 novembre 1966 i venti di tempesta, che provocarono l’alluvione di Firenze,  stroncarono la Croce all’altezza della sua rastrematura; l’avvocato Alfredo Merlini, presidente della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia, riuscì a coordinare un apposito comitato per la ricostruzione della Croce.
L’inaugurazione avvenne a conclusione dei lavori il 15 agosto 1969.

Si riporta, nei testi che narrano la storia della Croce, che dopo l’intervento di restauro per il danno provocato dalla tempesta vi fu una diminuzione dell’altezza, mentre da uno studio risulta essere rimasta invariata.
Fu scritto nel 1928 che la Croce era alta 21,50mt.
L’attuale misurazione, dal basamento in cemento, riporta un’altezza di 19,00mt.
Verrebbe da dire che in effetti mancano 2,50mt, mentre invece questa differenza è giustificata da una serie di fattori. Dopo il restauro del 1966 il basamento di cemento è stato rialzato di 20cm, fino a far scomparire un’alzata di accesso alla cappella interna portando la croce a una misura attuale di confronto di 19,20mt.
Ma per giustificare i 2,30mt mancanti bisogna fare un salto indietro.
La struttura metallica, a partire dal 1927, è stata realizzata presso le officine Bordoni di Ponte a Poppi, dove presumibilmente è stata effettuata anche la misurazione di 21,50mt ma nessuno ha mai tenuto in considerazione che una parte della Croce è affogata nel cemento, per un totale di 2,30mt, il che porterebbe a confermare che la ricostruzione del 1969 non ha portato modifiche altimetriche al monumento. A rafforzare questa ipotesi vi è un confronto fotografico che  evidenzia l’inalterabilità dell’altezza.
L’altezza della Croce dal basamento, pavimentato in pietra locale dopo il restauro, è di 19,00mt.

cmp-raffronto

Altezza croce